COMUNICATO STAMPA ASL 2 LANCIANO VASTO CHIETI CONTINUA L’INERZIA PER CARDIOCHIRURGIA

Print Friendly, PDF & Email

Leggi o Scarica il comunicato in formato PDF

COMUNICATO STAMPA
ASL 2 LANCIANO VASTO CHIETI
CONTINUA L’INERZIA PER CARDIOCHIRURGIA

Sulla problematica della Cardiochirurgia di Chieti la CGIL FP rivendica che dal febbraio 2015 ha
pubblicato un comunicato sul malessere che si respirava all’interno del reparto e della sala operatoria di
cardiochirurgia, sia da parte degli infermieri strumentisti che dei cardiochirurghi. Il nostro appello rimase
inascoltato.
Quando interviene la magistratura si registra sempre il fallimento di chi poteva e doveva controllare, in
questo caso la direzione generale.
L’attuale direttore generale ha le stesse colpe dei suoi predecessori, infatti, era il 16 ottobre dello scorso
anno quando visitava il reparto di cardiochirurgia insieme all’assessore Verì, fu messo al corrente della
situazione e gli venne chiaramente detto del malessere dei cardiochirurghi e della loro frustrazione perché
non erano messi in condizione di poter svolgere al meglio la loro professione. Cosa ha fatto? Nulla oltre
che, così pare, nominare una costosa Audit di cui non si sa l’esito.
Ma anche dopo la sospensione del prof. Di Giammarco, si riscontra l’inerzia di questa Direzione
Generale, infatti si è lasciato tutto com’era. Nessun provvedimento di discontinuità è stato preso per dare
una guida sicura alla cardiochirurgia, eppure sono passati più di quattro mesi. Eppure esiste il CCNL e il
Regolamento aziendale che indica il percorso da seguire per nominare un Direttore Facente Funzioni
nelle more del concorso per un nuovo primario.
Ma cosa possiamo aspettarci da un D.G. che tanto dice e nulla fa, dopo più di un anno dal suo
insediamento non è stato capace di produrre un atto aziendale. Dopo il suo arrivo, quando si è degnato di
incontrare le Organizzazioni Sindacali, dichiarava che:
– entro tre mesi avrebbe approvato “il suo atto aziendale”;
– avrebbe concluso il concorso infermieri entro marzo 2020;
– si sarebbe occupato personalmente del Laboratorio analisi pel P.O. di Chieti riconoscendo che
occupa spazi non a norma.
Nulla di tutto ciò è stato fatto.
A proposito del deficit di questa ASL, l’inchiesta della magistratura ha portato alla luce che molto denaro
veniva speso perché si è permesso di acquistare attrezzature e presidi al doppio del valore senza fare le
gare d’appalto, adesso ci piacerebbe sapere quanto si spende in consulenze legali.

Il Segretario Generale
(Sergio Zinni)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzodei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi