COMUNICATO STAMPA

Print Friendly

 
 
 
 
 
 

UNA FIRMA PER IL LAVORO, UNA FIRMA PER I DIRITTI E IL FUTURO DI TUTTI

La Carta per i diritti universali del lavoro è la riscrittura del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che travalichi le varie forme e tipologie nelle quali esso si è diversificato e frammentato negli anni. Tutta la Cgil è impegnata in un grande confronto che mette al centro le tutele dei lavoratori, in questi anni attaccate e indebolite da un pervicace processo di destrutturazione. Le tutele di tutti, non solo dei subordinati pubblici e privati, la Cgil parla anche a tutta la galassia dei lavoratori parasubordinati, veri o finti autonomi, a professionisti e atipici, flessibili, precari, discontinui.
Il 19 marzo si è conclusa la consultazione straordinaria degli iscritti Cgil. In soli due mesi si sono svolte 41.705 assemblee, uno sforzo politico ed organizzativo senza precedenti, un grande fatto di democrazia e partecipazione che conferma il radicamento senza eguali del sindacato confederale nella società italiana.
I due quesiti posti in consultazione, sui quali si sono espressi col voto 1.466.697 iscritte ed iscritti alla Cgil, hanno fatto registrare una larghissima maggioranza di favorevoli: il 98,49% per quanto riguarda l’approvazione della ‘Carta dei diritti’ ed il 93,59% per quanto concerne il mandato al Comitato Direttivo della Cgil di definire quesiti referendari utili a sostenere il percorso per la trasformazione della ‘Carta’ in legge.
Nella provincia di Chieti si sono svolte 159 Assemblee nei luoghi di lavoro e nelle Assemblee di Zona nel corso delle quali hanno votato 16396 iscritte/i alla nostra Organizzazione; la stragrande maggioranza di essi si è espressa in termini assolutamente positivi rispetto ai due quesiti.
Inizia il 9 aprile la raccolta firme a sostegno della legge di iniziativa popolare e dei quesiti referendari. I tre quesiti referendari pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n.69 del 23 marzo 2016, finalizzati al sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare, avranno come oggetto i seguenti temi:

1. la cancellazione del lavoro accessorio (voucher);
2. la reintroduzione della piena responsabilità solidale in tema di appalti;
3. nuova tutela reintegratoria nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo per tutte le aziende al di sopra dei cinque dipendenti.

In tutta Italia si terrà una campagna di iniziative nei luoghi di lavoro e nelle piazze. È possibile firmare anche online inviando una mail all’indirizzo cartadeidiritti@cgil.it

Nella provincia di Chieti i banchetti saranno previsti dalle ore 9.00 alle ore 12.00 a:

Chieti, Corso Marrucino (nei pressi di Largo Martiri della Libertà);
Francavilla al mare, Piazza della Sirena;
Guardiagrele, Piazza Santa Maria Maggiore;
Ortona, Piazza di Porta Caldari;
San Giovanni Teatino, (nei pressi di Corso Italia n.67);
Lanciano, Via Isonzo (nei pressi del mercato settimanale);
Vasto, Via G. D’Annunzio (nei pressi del mercato settimanale).

Inoltre è possibile firmare tutti i giorni presso le nostre sedi Cgil della provincia di Chieti e nei luoghi di lavoro rivolgendosi alle RSU.

Il Segretario Generale Cgil di Chieti
DI LAUDO Germano

/